Recensione 41:La bella Cassandra

“Madam
siete una fenice. Il vostro gusto è raffinato, i vostri sentimenti nobili, le vostre virtù innumerevoli. La vostra persona è leggiadra, la ostra figura elegante, il vostro contegno maestoso. Le vostre maniere sono raffinate, il vostro discorrere accorto, il vostro aspetto di rara qualità.
Se perciò il racconto che segue vi procurerà un momento di distrazione, sarà esaudito ogni desiderio della vostra ubbidientissima e umile servitrice,

L’autrice”

Buongiorno Book Lovers questa volta ho deciso di iniziare il mio post con la dedica che leggerete su questo piccolissimo volumetto; troverete piccoli racconti scritti da una giovanissima autrice, una delle autrici più amate e lette al mondo…
Avete capito di chi sto parlando?
Della grandissima Jane Austen.

Il libro di oggi è “La bella Cassandra”.
Un volumetto di meno di 100 pagine, ricche di ironia, ilarità, sarcasmo tipici della Austen adulta.

La bella Cassandra” è una raccolta di piccole storie e bozze scritte tra il 1788 e il 1793 da una giovanissima Austen, scritti per deliziare la sua famiglia, non manca certo il tipico umorismo e ironia per ridere delle convenzioni, dei difetti e delle presunzioni dei nobili di quell’epoca.

In queste poche pagine si riconosce la penna dell’autrice, il suo stile che emerge già in giovanissima età e che perfezionerà nelle sue più grandi e conosciute opere.

“ Cassandra era la figlia, l’unica figlia, di una famosa modista di Bond Street. Il padre era nobile di nascita, poiché era parente stretto del maggiordomo della Duchessa di…”

La bella Cassandra” sono sei piccoli racconti, primo è quello che da il nome al libro, “La bella Cassandra” scritto nel 1788; “Henry e Eliza” 1788-1789; “Jack e Alice” 1790; “Terza lettera” 1792; “Lettera di una signorina…” 1793.

Racconti scritti da una Austen appena tredicenne, una giovinetta che vedeva già la vita con ironia, sembrano racconti scritti da una persona adulta che conosce già la vita.

Troviamo ubriaconi, avvelenatori, uomini e donne vili, opportunisti, vanitosi, orgogliosi, invidiosi, ipocriti e non mancare l’amore.

Alcuni di questi difetti e virtù li troviamo in “Jack e Alice”, il racconto più divertente e il più realistico, nel descrivere i difetti di una società.
Tutto ha inizio con una festa di compleanno in maschera, e la Austen riesce ad abbinare ad ogni personaggio la sua maschera, quella che rappresenta il carattere del personaggio.

“Tra le maschili, la più ammirata da tutti era invece una maschera che rappresentava il sole. I raggi che le dardeggiavano dagli occhi erano simili a quelli dell’astro superbo, ma infinitamente più luminosi: erano così forti che nessuno si azzardava ad avvicinarsi a meno di mezzo miglio di distanza.”

Perché scegliere proprio il sole come maschera?
Forse perché come il Sole è al centro del nostro Sistema Solare, così colui che ha scelto questa maschera amava essere sempre al centro dell’attenzione, tutti dovevano ammirare la sua esuberante bellezza.

In “Jack e Alice” i temi principali sono due, la vanità e l’invidia.
La vanità è Charles Adams, si considera superiore a tutti, disposto ad umiliare tutti, l’invidia porterà uno dei protagonisti a commettere un omicidio.

Piccolo cenno di grande ironia della Austen nel descrivere se stesso Charles Adams:

“ …di me stesso penso, signore, di essere di una bellezza perfetta e vi chiedo dove mai potreste trovare una figura più distinta e un volto più affascinante. Inoltre, signore, ritengo che i miei modi e il mio contegno siano dei più raffinati, frutto di una certa eleganza e di una peculiare dolcezza, che non ho mai visto in altri e che non so descrivere…in mia moglie non mi aspetto nulla più di quel che mia moglie troverà in me: la perfezione.”

In “Henry e Eliza” il tema principale è la gratitudine, ovvero la mancanza di gratitudine, come ringraziare chi ci fa del bene facendogli del male.
La protagonista è Eliza una ragazza cresciuta fino a 18 anni in una famiglia ricca, non le è mai mancato nulla, è stata trovata dai suoi genitori adottivi a 3 mesi, lei come ricambia questi genitori?
Derubandoli.

Molti giovani non si accontentano di quello che hanno, vogliono sempre di più senza pensare a volte alle conseguenze.

Ma quando commetti una volta l’errore sei pronto a commetterne un altro, pensando che i genitori sono sempre disposti al perdono.

Errori giovanili e vendetta in “Henry e Eliza”.

“ Ma, non appena toccò terra a Dover, con i suoi bambini per mano, fu arrestata dai soldati della Duchessa e tradotta in una piccola e confortevole prigione che la signora aveva fatto costruire per tenervi i suoi prigionieri personali.”

Fate attenzione a chi fate un torto!!!

Altro tema è come a volte il crimine paga non con la prigione ma con una vita agiata.

“…ho ucciso mio padre quando ero appena una ragazza, dopo ho ucciso mia madre, e ora mi preparo a uccidere mia sorella…ho falsificato il mio stesso testamento. Ma ora mi preparo a cambiare.”

Che dite sembra che la protagonista finalmente ha capito gli orrori che ha commesso e ha deciso di pagare i suoi crimini…e invece…

“Per gratitudine il colonnello il giorno dopo mi aspettò e mi offrì la sua mano. Ora vado a uccidere mia sorella.”

Ironia e sarcasmo…

Quando avrete finito di leggere questo piccolissimo libro vi chiederete come una ragazza così giovane potesse conoscere così bene l’animo umano!

La bella Cassandra” un piccolo libro da leggere durante una breve pausa per sorridere, una lettura piacevole e leggera.
Un consiglio?
Non deve mancare nella libreria di una appassionata lettrice di Jane Austen.

“Cassandra sorrise e sussurrò a sé stessa: «ecco una giornata ben spesa.» “

Buona lettura

5 libri
Casa Editrice: Garzanti
Prezzo: di copertina € 4.90 pagato € 0.99
Pagine: 96

logo scritto

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...