Vita d’Autori: Stephen King…il Re dell’horror

La gente pensa che io sia una persona strana. Non è vero. Ho il cuore di un ragazzino. Si trova in un vaso di vetro, sulla mia scrivania.

Oggi per “Vi presento un autore” il post è dedicato ad uno dei miei autori preferiti, Stephen King.

Io adoro i suoi libri, il suo modo di scrivere, sono degli horror ma allo stesso tempo non lo sono, le sue storie ti coinvolgono, ti appassionano, il suo modo di raccontare ti fa credere che non sono opere di fantasia ma storie di cronaca vissuta.

Stephen King nato a Portland, nel Maine, il 21 settembre del 1947, scrittore statunitense, autore di romanzi e racconti best seller, appunto del genere horror/fantascienza.

E’ cresciuto senza una figura paterna, il padre, ex capitano della Marina Mercantile durante la Seconda Guerra Mondiale, scompare due anni dopo la nascita di Stephen, e la famiglia, è costretta, per il lavoro della madre, a spostarsi tra Maine, Massachusetts, Wisconsin, Indiana, Illinois e Connecticut.

A partire dai primi anni delle elementari inizia a leggere da solo tutto ciò che gli capita tra le mani; è di questo periodo anche il suo primo racconto.
Anni dopo trova nella soffitta della zia i libri del padre, amante dei racconti di Edgar Allan Poe, H.P. Lovercraft e Richard Matheson.

Nel 1962 inizia a frequentare la Lisbon High School e comincia a spedire i suoi racconti a vari editori di riviste, senza però alcun successo concreto.

Dopo gli studi superiori entra all’Università del Maine ad Orono, nel 1967 termina un primo racconto breve a cui fa seguito, qualche mese dopo, il romanzo “La lunga marcia” che riceve giudizi lusinghieri.

Sottopone Carrie alla casa editrice Doubleday e ottiene un assegno di 2500 dollari come anticipo per la pubblicazione del romanzo.
A maggio arriva la notizia che la Doubleday ha venduto i diritti dell’opera alla New American Library per 400.000 dollari, metà dei quali spettano di diritto all’autore.
Così, a ventisei anni, Stephen King lascia l’insegnamento per dedicarsi alla professione di scrittore.

Da allora non si è più fermato e sono nati tanti altri capolavori.

Il talento da solo vale poco. Ciò che separa il talentuoso dalla persona di successo è il duro lavoro.

Ricordano:
Shining (1976; il film, del 1980, venne diretto da Stanley Kubrick)
La zona morta (1979; versione cinematografica del 1983, per la regia di David Cronenberg) – Christine la macchina infernale (1983; il film, dello stesso anno, è di John Carpenter)
It (1986, il film è del 1990)
Misery (1987; noto in Italia con il titolo Misery non deve morire, la pellicola è stata realizzata da Rob Reiner nel 1990)
Insomnia (1994) romanzo lanciato dallo scrittore con un’originale forma di promozione: si reca di persona nelle librerie del paese con la sua Harley Davidson.
Cuori in Atlantide (2000)
La casa del buio (2002)
Mr Mercedes (2014)

Nel 1996 escono “I vendicatori” e “Il Miglio Verde” (con Tom Hanks), un romanzo in sei puntate che diventerà, qualche anno dopo, un film di successo, ogni puntata de “Il Miglio Verde” vende più di tre milioni di copie.

Due eventi tragici colpiscono lo scrittore negli anni a seguire: lo scrittore comincia ad avere seri problemi di dipendenza da alcol e droga, da cui uscirà solo dopo un processo di disintossicazione durato più di un anno.
Nell’estate del 1999, inoltre, durante una passeggiata King viene travolto da un’auto subendo pesanti traumi. Sottoposto a numerosi interventi, ci vorranno mesi prima che King si riprenda totalmente.

A Stephen King è stata assegnata nel 2003 la National Book Foundation Medal per il contributo alla letteratura americana, e nel 2007 l’Associazione Mystery Writers of America gli ha conferito il Grand Master Award.

Stephen King ha venduto complessivamente nell’arco della sua lunga carriera oltre 500 milioni di copie. Dai suoi romanzi sono stati tratti circa quaranta tra film e miniserie televisive, di fortuna alterna e diretti da registi di varia abilità (se stesso compreso).

Afferma di scrivere 500 parole dalle 8.30 alle 11.30, ogni giorno, ad eccezione soltanto del giorno di Natale, del Giorno del Ringraziamento e del suo compleanno.
Quasi tutti i suoi libri non hanno meno di cinquecento pagine.
E’ lo scrittore più pagato del mondo.
Si stima che il suo fatturato annuo sia di circa 75 milioni di euro.

In Italia l’8 novembre 2011 viene pubblicato 22/11/63, un romanzo di fantascienza che tratta il tema del viaggio nel tempo e dell’assassinio di John Fitzgerald Kennedy (la data riportata nel titolo del romanzo è infatti quella dell’omicidio del Presidente).

La vita è una ruota. Presto o tardi tutto quello che pensavi di esserti lasciato ritorna. Per il bene o il male, ritorna. (Insomnia)

Buona lettura…

logo scritto

Annunci

8 pensieri riguardo “Vita d’Autori: Stephen King…il Re dell’horror

      1. Se ti va, poi fammi sapere come l’hai trovato. Se invece non dovessi più sentirti, per me avertelo fatto scoprire è già una grande soddisfazione. Grazie per la risposta, e buona Domenica! 🙂

        Piace a 1 persona

  1. Fa sempre piacere leggere un bell’articolo dedicato al re dell’orrore ;). Anche a me piacciono molto i suoi romanzi, in particolare IT che, complice il nuovo film, ho letto da poco! Buone letture e buone serate in compagnia di King 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...